Amiche Scrappers

sabato 3 dicembre 2016

SCRAPZIONARIO: T COME TIMBRO DIGITALE

Ciao Amiche Scrappine, 
ultimamente si parla sempre di più di timbri digitali, così vorrei spiegarvi con parole semplici, di cosa si tratta.

Un timbro digitale o "digi", per gli amici ;-) è semplicemente un immagine, un disegno, una scritta, un' illustrazione, in formato jpg.

Quando acquisti un timbro digitale, ti viene inviato via e-mail un file, da scaricare.
Per chi non ha programmi di grafica, lo può aprire tranquillamente con le app in dotazione in tutti i pc, come si fa per le fotografie.

Le sue caratteristiche principali e punto forza sono
- il fatto che lo puoi ridimensionare a piacimento, in base alla tua necessità,
- e che lo puoi stampare tutte le volte che vuoi

Ok abbiamo il timbro ridimensionato e adesso?
Si procede con la stampa.
Va benissimo la stampante di casa, di solito con cartucce originali non da problemi neanche con gli acquarelli, per verificare la tenuta del vostro inchiostro, basta fare una prova con una stampa qualsiasi ed un pennello umido.
Per il tipo di carta, dipende tutto da come volete procedere con la colorazione e dalla grammatura di carta che supporta la vostra stampante, una volta stampato, si procede come con i timbri tradizonali.

E' più facile farlo che dirlo..
in breve..
scaricare il file
ridimensionare
stampare
..visto!! Facilissimo ^_^ 

Molti timbri digitali hanno il doppio formato jpg e png.. i timbri Glimps ce l'hanno sono sicura 😉
Che differenza c'è? L'immagine è la stessa, ma quando è in png lo sfondo è trasparente.
E' come uno stickers che posso applicare dove voglio.

Vi faccio un esempio..
voglio fare la copertina di un album, una card, una tag o qualsiasi altra cosa che abbia come soggetto una foto delle mie vacanze.
Apro la foto, in questo caso ho usato photoshop, ma si può fare anche con paint (in dotazione in tutti i pacchetti microsoft)
 Ho inserito il timbro digitale appena acquistato, in formato png.
Ho aggiunto una scritta
Ed ho creato ciò che mi serviva ^_^

Un altro valore aggiunto del png è che posso creare delle nuove immagini inserendo più file in contemporanea.. 
se per esempio volessi fare una card alla mia amica del mare che ha due bimbi piccoli, inserisco i timbri in png, creando un "quadretto" che poi andrò a stampare per realizzare la mia card.


Il formato png inoltre è comodo per chi ha plotter da taglio, come la Silhouette, in quanto permette di ritagliare l'immagine seguendo il profilo, sostituendo così la fustella o la forbicina.

Per chi invece ama embossare i timbri per avere l'effetto rilievo, gli basterà stamparlo con una stampante laser e poi appoggiandoci sopra del foil nero, passarlo in una pastificatrice, si otterrà così l'effetto desiderato.

Spero di esservi stata utile e di avervi risolto qualche piccolo dubbio in merito ai timbri digitali..non vi resta che provare a divertirvi con i "digi" 😀
A presto
Veronica


1 commento: